sabato 5 maggio 2012

Il cibo degli angeli

E' il tipico ciambellone americano, da non confondere con la simile chiffon cake da cui differisce per l'assenza di tuorli d'uovo: è l'angel food cake. Chiamato così perchè è così soffice, delicato e chiaro da sembrare una nuvola e, a dirla tutta, senza neanche un grammo di grassi o colesterolo. Infatti una fetta da 100g (un fettone, data la leggerezza del dolce) apporta circa 250 Kcal contro le 350 minimo di una qualsiasi altra torta. Ovviamente è sempre un dolce, e i carboidrati e lo zucchero si affezionano così facilmente da non staccarsi più dalle cosce ma almeno, una angel food cake ci costa qualche minuto in meno di cyclette e si conserva molto a lungo senza perdere la caratteristica morbidezza.

Caratteristica principale della ricetta è il numero enorme di uova (di albumi per la precisione), che la fanno crescere senza neanche usare il lievito. Nella mia ricetta ne erano previsti addirittura 12 e questo mi aveva sempre fatto rinviare il tentativo perchè....che cosa avrei dovuto farne di 12 tuorli? Qualcuno avrei anche potuto consumarlo ma il resto? E di surgelarli non se ne parla nemmeno perchè, mentre gli albumi si mantengono piuttosto bene, i tuorli surgelati diventano una poltiglia collosa che ispirano il disgusto, altro che la voglia di mangiarli!

Poi al supermercato ho trovato questa confezione di albumi già belli pronti e pastorizzati e non ho avuto più scuse per rimandare l'esperimento ^_^



 Ho scelto la versione al Matcha (il pregiatissimo tè verde giapponese in polvere) che con l'aroma amarognolo ed erboso equilibra quell'uso piuttosto abbondante di zucchero dei dolci statunitensi. Altro strumento utile (ma non indispensabile) è il tipico stampo con i piedini e i foro centrale che permette, uno volto cotto il dolce, di capovolgere lo stampo per far raffreddare l'impasto senza farlo ammassare. Un altro trucco è infilare lo stampo capovolto sul collo di una bottiglia (tanto il dolce non cade).

Volendo si può usare un qualunque altro stampo a ciambella a bordi molto alti. Se invece si usa lo stampo normale, si può lasciare il dolce a raffreddare in forno: si abbasserà leggermente ma restando comunque soffice (però in questo caso è meglio dimezzare le dosi, perchè è un dolce che gonfia tantissimo).



MATCHA TEA ANGEL FOOD CAKE


Ingredienti:
12 albumi
200g farina manitoba
350g zucchero
30g matcha (tè verde in povere)
1 cucchiaio acqua calda
15 g (1 cucchiaio) cremor tartaro
1 cucchiaio estratto di vaniglia




Preriscaldare il forno a 190°. Mescolare insieme la farina, 3/4 della zucchero e la polvere di matcha e mettere da parte.

 Utilizzando una frusta elettrica, battere i bianchi d'uovo, acqua, sale e cremor tartaro fino a che saranno ben montati ( circa 3-4 minuti) in una ciotola di metallo pulito. Continuare a battere e aggiungere poco alla volta il restante zucchero fino ad ottenere una neve soda e lucide. Utilizzando una spatola, aggiungere delicatamente il mix di farina e zucchero setacciati, senza battere l'impasto. Trasferire in uno stampo imburrato e infarinato e infornare per 45 minuti o finché la superficie sarà di un bel bruno dorato e rimbalza indietro quando viene toccata.

Rovesciare la teglia sulle sue gambe o sul collo di una bottiglia e lasciare raffreddare per un'ora.

Con l'aiuto di una spatola, passata lungo i bordi, togliere la torta dalla teglia e spolverizzare di zucchero a velo.



1 commento:

  1. Grazie della foto cara, spero di trovarli in qualche market!

    RispondiElimina